giovedì 2 ottobre 2014

Un weekend a Tarquinia

Questa bella e antica cittadina è uno dei centri più belli da visitare, conserva ancora quel fascino antico nel borgo tipicamente medievale conservato molto bene.

Il centro storico
è racchiuso dalle mura e attraversando le stradine e i vicoli acciottolati si potranno ammirare antichi palazzi nobiliari, torri e belle chiese.
Di grande interesse è il complesso
di Santa Maria di Castello, vicino alla alta torre medievale, chiesa romanica con l’elegante portale e il magnifico interno.
E’ altrettanto interessante visitare il Duomo
di Santa Margherita ricostruito dopo un incendio nel 1643, fu completato alla fine del XIX sec. inglobando strutture precedenti.
Nell’interno ci sono bellissimi affreschi raffiguranti le storie della Vergine opera di Antonio da Viterbo detto il Pastura.
Da vedere anche Porta Castello e il
Torrione detto di Matilde di Canossa nel centro storico. 
Una visita al Museo Nazionale Etrusco nel Palazzo Vitelleschi per conoscere meglio la storia del luogo, le varie opere esposte,
Tomba dei due giovinetti
d’immenso valore,
Pannello centrale dell'Ara della Regina con l'esposizione dei Cavalli alati.
sono collocate sui tre piani del palazzo.
Lo splendido
Palazzo Vitelleschi fu costruito fra il 1436 ed il 1439 per volontà del cardinale Giovanni Vitelleschi, sotto il pontificato di Eugenio IV.
Continuando la passeggiata si incontra il bel
Palazzo Comunale e una caratteristica
fontana ma quello che rende importante Tarquinia sono le famose necropoli
etrusche le tombe sotterranee con pregevoli dipinti che fanno parte del Patrimonio Mondiale dell’Umanità dell’UNESCO.
Neropoli  La Civita
La necropoli etrusca
occupa un’altura parallela a quella
occupata dalla città antica, sulla collina Monterozzi, nelle pareti delle camere funerarie si trovano
uno straordinario ed unico insieme di dipinti.

Tra queste tombe c’è la 
tomba del barone, la
tomba della caccia e della pesca, la
tomba dei leopardi, la
tomba delle leonesse.
Tarquinia è anche un posto di villeggiatura marina infatti nel suo territorio ci sono anche i centri balneari del Lido di Tarquinia e Marina Velca.
Tempo permettendo si può visitare la Riserva delle ex Saline vicino ai resti dell’antico Porto di Gravisca. 
Gli eventi culturali, il folklore e la gastronomia fanno da corollario al ricco patrimonio culturale, artistico ed archeologico di Tarquinia.








Nessun commento:

Posta un commento