martedì 12 luglio 2016

Il Battistero degli Ariani e il Battistero Neoniano a Ravenna

Tra i monumenti di maggiore interesse a Ravenna da visitare c’è anche il Battistero degli Ariani e il Battistero Neoniano.
Il Battistero degli Ariani venne costruito dal re goto Teodorico (493-526) come battistero dell'antica Cattedrale ariana, col culto ortodosso fu dedicato alla Vergine Maria.

Ai giorni odierni la chiesa è dedicata allo Spirito Santo.
Al suo interno, nella cupola, ci sono preziosi mosaici raffiguranti 
il corteo degli Apostoli 
intorno a un medaglione centrale 
con il Battesimo di Cristo.
acqua santiera

Il Battistero degli Ariani è riconosciuto dall'UNESCO Patrimonio dell'Umanità.
Il Battistero Neoniano, che prende il nome dal vescovo Neone che fece continuare la costruzione, si trova a nord della cattedrale di Ravenna 
ed è uno dei più antichi monumenti della città.
Probabilmente venne edificato attorno agli inizi del V secolo ed è chiamato anche degli Ortodossi, il battistero è conosciuto soprattutto per il mosaico 
che occupa tutto lo spazio della cupola centrale dell'edificio.  
Questo particolare mosaico rappresenta la scena del battesimo di Cristo, raffigurato immerso sino alla vita nelle acque trasparenti del fiume Giordano, ai giorni odierni è la più antica testimonianza 
di una scena del battesimo di Cristo eseguita a mosaico in un edificio monumentale.
Nell’interno 

è interessante anche una vasca ottagonale 
di marmo greco e porfido, rifatta nel 1500, che conserva ancora qualche frammento originale del V secolo.
Con queste due visite si capirà ancora di più perché Ravenna è la capitale del mosaico, altri monumenti come il complesso di San Vitale, il mausoleo di Galla Placidia e quello di Teodorico, S. Apollinare con i loro unici e superbi mosaici son inseriti nella World Heritage List dell’UNESCO.







Nessun commento:

Posta un commento