domenica 16 ottobre 2016

Una visita alla Sacra di san Michele

Questo magnifico complesso architettonico della Sacra di San Michele si trova nel territorio del comune di Sant’Ambrogio di Torino.
La Sacra di San Michele è un’antichissima abbazia costruita, tra il 983 e il 987, sulla cima del monte Pirchiriano.


E’ molto suggestivo guardare 
il corpo centrale dell'abbazia e notare in basso a sinistra, su uno spuntone di roccia tra il Monastero e la Chiesa, la statua in bronzo di San Michele Arcangelo mentre in alto si trova 
la Torre della Bell’Alda.
Questo nome lo deve alla leggenda relativa ad Alda, una ragazza del paese, che arrivò alla Sacra per pregare contro i mali della guerra.

Per sfuggire ai soldati si gettò dal burrone invocando l’aiuto di San Michele e della Vergine, si salvò e rimase illesa in fondo al precipizio.

Ma per vanità e denaro s’immaginò di poter fare un secondo salto e nel farlo rimase uccisa. 
La Porta dello Zodiaco è l'opera di maggior pregio artistico del santuario, 
situata al culmine del ripido Scalone dei Morti, 
dà l'accesso al piano di base della Chiesa.
Il Santuario, 
modificato nel corso di più secoli, ha come genere di architettura quella romano-gotico

che si ritrova visitando 
il magnifico interno.
Entrando nella chiesa queste sono alcune opere su cui soffermarsi:
l’affresco 
della leggenda, il trittico della Madonna 
l’opera più preziosa, la deposizione 
di Gesù, la morte,sepoltura e l' assunzione 
della Vergine, la tela 
di san Michele.
Da visitare anche il 
primitivo santuario, l’antico tempietto 
chiamato il sepolcro dei monaci, la riproduzione 
di antiche sale di Casa Savoia 
all’interno dell’Abbazia.
Un’altra interessante visita da fare è al Museo del quotidiano della Sacra di San Michele 
al piano d’ingresso del Monastero vecchio che conserva oggetti d’epoca 
e strumenti di lavoro quotidiano.
E’ interessante anche sapere che la Sacra di San Michele ha ispirato lo scrittore Umberto Eco per il best-seller Il nome della Rosa.
                                                                                            


Nessun commento:

Posta un commento