venerdì 17 novembre 2017

Alla scoperta invernale dei Serrai di Sottoguda sulle Dolomiti Bellunesi

I Serrai di Sottoguda si trovano tra
Sottoguda e Malga Ciapela, ai piedi della Marmolada ed è uno stretto canyon, circa due km di lunghezza scavato nella roccia dal lento lavorio del torrente Pettorina.
Tra le alte pareti di roccia, in inverno,  scorrono suggestive 
cascate e nel periodo estivo si può usufruire del trenino
per percorrere tutta la strada dei Serrai.
I Serrai di Sottoguda, in inverno, sono la meta ideale
per tutti gli appassionati di arrampicata su ghiaccio perché le spettacolari  cascate
in questo periodo si ghiacciano permettendo arrampicate, con una guida esperta,
fra percorsi semplici o più difficili. 
Durante il percorso
si troverà la chiesetta
di sant’Antonio e la cascata più grande è nominata "La Cattedrale" 
che si forma poco a valle della chiesetta. 
Questa riserva naturale
è visitabile con gli sci,
con le ciaspole o con la slitta dal Sellaronda attraverso Arabba, Passo Padon e Malga Ciapela.
Per trascorre un weekend e conoscere questo luogo fantastico e surreale c’è il Rifugio Falier partendo da Malga Ciapela.


giovedì 16 novembre 2017

Un weekend natalizio 2017 - 2018 a Valeggio sul Mincio

Questo interessante centro, un bel borgo antico,
si trova vicino a Verona e come ogni anno si organizzano manifestazioni natalizie per trascorrere un weekend diverso ma interessante e divertente.
Queste sono le belle e suggestive manifestazioni a cui partecipare:
Il tradizionale mercatino che apre gli appuntamenti il 03 dicembre
Il regalo di Natale.
Oltre all’artigianato locale ci sarà anche il cibo di strada, street-food: dai prodotti tipici locali.
La tradizionale festa per tutti i bambini il 12 dicembre Arriva, arriva santa Lucia.

Si potranno assaggiare dolci, panettoni con ottime bevande calde. 
Nella chiesa di San Pietro in Cattedra si potrà assistere il 26 dicembre al tradizionale Concerto degli auguri.

Durante il concerto si esibiranno i cori di san Pietro in Cattedra, San Giuseppe e San Marco.
Le feste natalizie si concluderanno il 06 gennaio 2018 con La Viola, ovvero… Brusa la Vecia. 

Il falò di buon augurio di usanza popolare durante il quale ci saranno musica e divertimento per grandi e piccini,  cibi, dolci e bevande della tradizione.
Durante questo weekend natalizio si potrà vedere anche:
il Castello Scaligero, antica roccaforte degli Scaligeri,
si trova sul colle che domina il paese e nell’interno del piazzale si può
vedere la Torre Tonda.
Il Ponte Visconteo 
costruzione di origine seicentesca e la Villa Maffei Sigurtà
fu realizzata sul finire del XVII secolo. 
Per le manifestazioni a Valeggio sul Mincio si consiglia di informarsi in tempo. 




mercoledì 15 novembre 2017

La Natività come soggetto nelle opere dei pittori italiani e stranieri

Durante le feste di Natale visitando queste città è interessante anche vedere ed ammirare i grandi capolavori della storia della pittura
                     Natività di Gerrit van Honthorst
che rappresentano il Natale.
A Firenze nel Convento di San Marco si trova 
l’affresco dell’Adorazione del Bambino di Beato Angelico.
A Milano nella Pinacoteca Ambrosiana si trova 
la Natività dipinto del Bramantino.
A Padova nella Cappella degli Scrovegni si trova 
l’affresco la Natività di Giotto.
A Prato nel Museo Civico si trova 
la Natività con san Giorgio e san Vicenzo Ferrer dipinto di Filippo Lippi. 
A Fermo nella Pinacoteca Civica si trova il dipinto

  l'Adorazione dei pastori di Pieter Paul Rubens.

martedì 14 novembre 2017

Le località montane invernali più belle d’Italia

Nel periodo invernale scoprire dove sciare, fare escursioni può essere utile per scegliere meglio il luogo per trascorrere la settimana bianca o semplicemente una vacanza.

Queste sono le regioni con una delle tante località in cui andare:
Alto Adige 

Santa Maddalena in Val di Funes
Valle d'Aosta 

La Thuile 

Courmayeur
Veneto 

Cortina d'Ampezzo
Trentino 

Madonna di Campiglio
Lombardia 

Livigno



lunedì 13 novembre 2017

Una gita all’Abbazia Greca di San Nilo e al suo Museo a Grottaferrata

Questa antica Abbazia,
il cui vero nome è Monastero Esarchico di Santa Maria, fu fondata nel 1004 da un gruppo di monaci greci provenienti dall'Italia meridionale.
La facciata ha nuovamente le forme originarie come il rosone
e le finestre in marmo traforato
nella facciata mentre nell’atrio si possono vedere le colonne in travertino
e il vestibolo ricostruiti
nelle forme originarie nel 1930.
Sul portale d’ingresso c’è il bellissimo mosaico  in stile bizantino del XI secolo 
che rappresenta Gesù benedicente seduto in trono con il Vangelo di s. Giovanni, ai lati la Madonna e s. Giovanni e, in proporzioni minori, la figura di un monaco.
Entrando nell’abbazia, in stile romanico
si potranno ammirare gli affreschi e i mosaici,
il coro, l’arco trionfale che divide la parte riservata
dei monaci dai fedeli, la cappella
Farnese.
Nell’abbazia si trova anche il museo con reperti
archeologici ed artistici provenienti anche dagli scavi delle vicine catacombe o dalle rovine delle ville romane della zona.
Attualmente l'Abbazia Greca di Grottaferrata è l'ultimo dei numerosi Monasteri Bizantini che nel medioevo erano diffusi in tutta l’Italia meridionale e nella stessa Roma. 


domenica 12 novembre 2017

Una visita al castello Scaligero di Soave

Il castello fu  costruito sul Monte Tenda come costruzione militare e si chiama Scaligero perché furono gli Scaligeri a rinnovarlo e restaurarlo.
Il castello con le sue mura sembra cingere tutto il borgo medievale di Soave 
e per arrivarci ci sono due strade una pedonale che sale dalla centrale Piazza Antenna e l'altra con la macchina che risale le pendici del colle su cui sorge il Castello, si può usufruire di un parcheggio.
Ci sono due ingressi
ed è interessante
quello con il ponte levatoio

con la torre chiamata di san Giorgio perché in una nicchia
vi è una statua del santo.
Nei giri delle mura che separano tre cortili ed un piccolo cortile pensile si trova
una grossa torre e dal giardino pensile
si può ammirare un bel panorama.
La casa del capitano ha una bella
e particolare
scala esterna.
Nell’interno nelle varie stanze ben arredate
si trova anche quella con delle corazze
e mobili antichi.
Nel castello si possono organizzare ricevimenti ed eventi,  per informazioni relative anche ai giorni, orari e quant’altro concerne la visita e per gli eventi si consiglia di informarsi in tempo.