giovedì 6 giugno 2019

Le meridiane solari in Italia


Le antiche meridiane per forma e dimensioni diverse hanno inciso delle frasi significative come se fossero dei proverbi ricordando il tempo che passa.

Per itinerari insoliti nelle città italiane dove si possono ammirare queste interessanti meridiane queste sono alcune località da visitare:
Comune di Voltri
Comune di Palazzo Adriano
Rifugio Terrerosse

Comune di Alatri
Courmayeur
Comune di Matélica

Passo Dordona
.
Questi interessanti antichi strumenti per conoscere le ore non seguono le ore che usiamo oggi cioè le ore astronomiche ed hanno un fascino particolare ricordando un tempo passato quando si ci basava sulla posizione del sole.

sabato 1 giugno 2019

Un soggiorno a Rimini


La città di Rimini, tra le colline e il mare, fa parte della riviera romagnola e non è solo città di cultura ma anche di mare e di luogo di divertimento.

Per visitare la città ecco gli itinerari da fare:
L’itinerario romano che comprende:

L’Arco d'Augusto, eretto nel 27 a.C. per volontà del Senato per celebrare la figura di Ottaviano Augusto.

La porta Montanara è ciò che resta della porta di età repubblicana.
Il Ponte di Tiberio, in pietra d'Istria, fu fatto costruire da Augusto nel 14 e fu completato da Tiberio nel 21 d.C.

Il Museo della Città si trova nell’ex Convento dei Gesuiti e comprende una pinacoteca, un lapidario romano e una sezione archeologica.

La Domus del chirurgo si trova a Piazza Ferrari e fa parte del complesso archeologico.

Sono i resti di un’antica domus romana risalente al II secolo d.C. e dai reperti rinvenuti come i 150 strumenti chirurgici la casa appartenne ad un medico.


L'Anfiteatro romano fu eretto nel II sec. d.C. quando governava l’imperatore Adriano.

L’itinerario rinascimentale medioevale comprende:

La Cattedrale di Rimini, comunemente denominata “Tempio malatestiano”, è una vecchia chiesa francescana dedicata a San Francesco, ampliata e trasformata da Sigismondo Pandolfo Malatesta nel XV secolo.

La Chiesa di Sant'Agostino risale al XIII secolo in stile romanico – gotico originariamente era dedicata a San Giovanni Evangelista e rappresenta la più antica chiesa di Rimini.

Il Castel Sismondo fu la residenza-fortezza di Sigismondo Pandolfo Malatesta quando fu il signore di Rimini dal 1432 al 1468.



Il Palazzo dell’Arengo e del Podestà costruito nel 1204 e nei giorni odierni vi è la sede comunale.

La fontana della pigna e la statua di Papa Paolo V.

La biblioteca si trova nel Palazzo Gambalunga costruito tra il 1610 e il 1614, interessanti le  quattro sale storiche, tre sono del secolo XVII e una del secolo XVIII.


Per visitare i luoghi di maggior interesse come il museo, la domus del chirurgo e quant’altro tratti di arte si consiglia di informarsi in tempo per i giorni, gli orari e quant’altro concerne la visita.



venerdì 31 maggio 2019

Una giornata fra i tabernacoli fiorentini


I tabernacoli hanno radici antiche fin dall'epoca romana che venivano collocati lungo le strade tempietti con immagini sacre protettrici della casa o dei viandanti.

Anche a Firenze ci sono queste opere d’arte che si possono vedere agli angoli delle strade e o lungo le vie e che rendono la città un museo a cielo aperto.




Un percorso turistico per conoscere meglio l’arte e la storia di queste immagini sacre che testimoniavano la devozione ma anche la ricchezza delle persone che ne commissionavano l’opera.



I tabernacoli, di stili e periodi diversi, rappresentano un patrimonio unico, elementi caratteristici delle strade di Firenze da osservare in una tranquilla passeggiata per la città apprezzare ciò che di bello c’è anche in luoghi impensabili.





lunedì 20 maggio 2019

Un tour nei musei dell’Umbria

L’Umbria è una regione 
da visitare per i paesaggi nel verde, per gli antichi borghi e soprattutto per le sue bellezze artistiche, le basiliche ed anche musei importanti ed interessanti.
Queste sono solo alcune città da visitare anche per il loro museo:
Amelia:
Il museo archeologico di Amelia si trova nell’ex-Collegio Boccarini, 
ha itinerari tematici che propongono la storia dell’’antica città dal periodo preromano a 
quello della completa romanizzazione del centro, fino alla fase alto medievale. 
Bettona:
Il Museo Archeologico e la Pinacoteca comunale si trova a Palazzo Biancalana.
Nelle sale del museo archeologico 
ci sono i reperti etruschi e di epoche successive mentre in quelle della Pinacoteca ci sono stampe del XVII e XVIII sec., sculture del periodo medioevale, 
tele di importanti artisti.
Cannara:
Il Museo della Città di Cannara 
conserva materiali archeologici rinvenuti negli scavi di Hurvinum Hortense, municipio romano sorto nel I secolo a.C.  
Il Museo conserva anche affreschi, 
tele e sculture.
Lugnano in Teverina:
L’ Antiquarium comunale 
conserva materiali rinvenuti negli scavi della Villa rustica 
romana di Poggio Gramignano come mosaici, terrecotte, anfore e mosaici.
Orvieto:
Il Museo Archeologico Nazionale ha sede nel Palazzo Papale e conserva i reperti 
provenienti dalle necropoli di Cannicella, 
Crocifisso del Tufo, Fontana del Leone, Settecamini.

Interessanti sono anche le due tombe 
affresco tomba Hescana,

a camere dipinte.
Cascia:
Il Museo civico di Palazzo Santi conserva
reperti archeologici,
sculture in terracotta, stucco, lignee come la Madonna di Poggioprimocaso,
detta “Madonna rosa”.
Le opere della sezione scultura sono databili tra il XIII ed il XV secolo.
Per visitare i musei si consiglia di informarsi in tempo per i giorni gli orari e quant'altro concerne la visita.