venerdì 23 giugno 2017

Un weekend nelle spiagge più belle d’Italia

Con la bella stagione si pensa già in quale località andare per un weekend al mare e tra le tante località italiane eccone alcune:

Liguria

Baia dei Saraceni, Finale Ligure
Toscana

Cala Violina, Scarlino
Marche

Fiorenzuola di Focara, Parco del Monte San Bartolo
Lazio

Cala Feola, Ponza
Puglia

Torre sant’Andrea, Melendugno
Sicilia

Tonnarella Dell'Uzzo, Trapani
Sardegna

Litorale di Chia, Dumus de Maria
Si consiglia di informarsi in tempo per tutto quello che occorre per trascorrere un piacevole weekend in queste località.


mercoledì 21 giugno 2017

Passeggiate fiorentine per riscoprire il giardino d’epoca di villa Bardini

La città di Firenze, con il suo patrimonio artistico, ville e giardini particolari come quelli di villa Bardini, permette piacevoli passeggiate per ammirare anche le bellezze di piante e fiori che si coltivano nei vari periodi dell’anno. Il giardino di villa Bardini con il suo immenso parco si trova vicino al Giardino di Boboli.
Questo magnifico giardino è il risultato dell’unione di tre giardini diversi
che fanno parte della villa.
Durante la passeggiata ecco cosa vedere tra i molti ed altri interessanti particolari:
Nella parte centrale del giardino c’è la scalinata barocca
che arriva al belvedere
dove ammirare il panorama.
In alcuni periodi la scalinata è ornata dalla fioritura
degli iris, in alcuni punti della scalinata si trovano due particolari statue
come se fossero intende a conversare.
Tra i pendii in fiore
e terrazzamenti con particolari fontane
nei muri si arriva a vedere
la fontana e il canale del drago,
un percorso tra statue e prati
verdi dove si trova anche la particolare fontanella
con un leone in marmo.
Al turista attento il piacere di vedere altri particolari di questo meraviglioso giardino chiedendo sempre informazioni per quanto riguarda i giorni, gli orari e quant’altro concerne la visita.  


domenica 18 giugno 2017

I ponti di Venezia e la loro storia

Passeggiando per Venezia si incontrano ovviamente molti ponti, piccoli grandi. Alcuni di essi hanno una storia davvero particolare. Questi i più importanti....

Il Ponte degli Scalzi, di origine asburgica fu costruito nel 1858 in ghisa poi in epoca fascista fu ricostruito in pietra d’Istria per consentire il passaggio delle navi.

Il nome del ponte fu dato perché si affaccia verso la chiesa di Santa Maria di Nazareth 
costruita nel XVII secolo su per volere della comunità dei Carmelitani Scalzi.

Il Ponte dei Sospiri, fu costruito  nel 1602 per far passare i carcerati dalle prigioni a Palazzo Ducale
Il primo piano, pensile e tutto chiuso era stato progettato per la massima sicurezza contro ogni tentativo di fuga dei prigionieri.

Il Ponte dei Pugni fu chiamato così perché fino al 1705 due bande rivali si combattevano a pugni e gli sconfitti venivano gettati in acqua in quanto non c’era la ringhiera.

Sul ponte si possono ancora osservare delle orme, segni che indicavano, 
ai due rivali, dove posizionarsi.
Il Ponte della paglia fu chiamato così per permettere, in altri tempi, il carico e lo scarico di paglia e fieno dalle barche.

Ai lati del ponte si trovano, da una parte il Palazzo Ducale e dall'altra il Palazzo delle Prigioni.
Il Ponte delle Guglie 
costruito nel 1580 è differente dagli altri ponti per i quattro obelischi collocati ai lati e ai mascheroni che si trovano
all’arcata sotto il parapetto.
Il Ponte dei tre archi 
è l’unico ponte a Venezia con tre arcate, in origine si chiamava ponte di San Giobbe per la sua vicinanza alla omonima chiesa.
Interessanti sono gli stemmi di 15 Provveditori, 
ovvero magistrati, che si trovano ai lati del ponte.




venerdì 16 giugno 2017

Il giardino delle cascate al laghetto dell’Eur a Roma

Questo suggestivo angolo del quartiere EUR di Roma, polo museale di cui ho parlato in un post di qualche mese fa ( ipromessiviaggi.blogspot.it/2017/03/una-giornata-all-eur-il-quartiere.html ), offre la possibilità a coloro che passeggiano nel parco intorno al lago artificiale, la possibilità di ammirare particolari giochi d'acqua.
 
Il percorso si snoda tra cascate, fontane,viali fiorati ed alberati
 dove trascorrere una piacevole giornata rilassante. Si potranno vedere scorci
molto belli dalle ore 7 del mattino alle 20 di sera percorrendo anche il ponte
giapponese Hashi per vedere e percorrere la passeggiata del Giappone,

In questa tranquilla e particolare parte del laghetto passeggiando si vedranno le varie particolarità 
 dei spazzi verdi ammirando le spettacolari cascate che sono un armonioso intreccio di salti e di getti d’acqua.
Buona passeggiata in questa parte di paradiso naturale sulle sponde del laghetto dell’Eur.                           



martedì 13 giugno 2017

Il Museo Civico Stefano Bardini a Firenze

Tra i Musei Civici Fiorentini che si possono visitare in antichi edifici c’è anche il museo Stefano Bardini, un museo meno conosciuto ma altrettanto interessante e importante. L’antiquario Stefano Bardini donò la sua collezione nel palazzo museo al comune di Firenze.
Durante il percorso di visita iniziando dal piano terra dove all’ingresso ci sono arredi architettonici di epoca romana
e sculture antiche, la Carità
di Tino da Camaino, la sala
d’armi, il porcellino ma in realtà è un cinghiale
che fu realizzato nel Seicento da Pietro Tacca, una copia si trova nella loggia del mercato nuovo vicino al Ponte Vecchio.
Salendo il magnifico scalone
si potranno vedere nelle varie sale moltissime opere tra cui:
la Madonna della Mela di Donatello
nella sala delle Madonne, il leone simbolo di Firenze
chiamato il Marzocco, Atlante che sostiene il globo celeste
del Guercino.
Al visitatore attento il piacere di trovare ed ammirare altre preziose opere d’arte durante il percorso di visita dal piano terra, al mezzanino
e al secondo piano.
Si consiglia di informarsi in tempo per quanto riguarda la visita a questo particolare museo che conserva una straordinaria documentazione del collezionismo, dell'antiquariato e dell'artigianato artistico tra Otto e Novecento.


domenica 11 giugno 2017

Una visita al Tempio Buddhista cinese Hua Yi Si di Roma

Visitare il Hua Yi Si il tempio buddista cinese-italiano più grande d'Europa, è un modo per conoscere altre culture nel rispetto delle religioni in cui ognuno crede. E’ principale tempio buddhista di Roma  anche se si trova nella zona non centrale del Prenestino.


a forma di pagoda nel cui interno ci sono grandi e piccole simbologie


di questa religione.
Il grande Buddha all’ingresso del tempio
vuol dare il benvenuto ai suoi seguaci ma anche ad altri visitatori.
Il tempio è arricchito con nicchie
nel cui interno ci sono piccole e grandi belle statue ma molto altro che sarà il visitatore attento a notare in questo luogo che è l’unico a richiamare l’architettura tradizionale cinese.
La visita sarà quindi interessante sia dal punto religioso culturale
che artistico.